MOSCA - Mosca è una città che corre sia nel

Mosca tra passato e futuro: viaggio nella megalopoli che vuole diventare smart

MOSCA - Mosca è una città che corre sia nel senso letterale (basta prendere un taxi dall’aeroporto al entro città per sperimentarlo) che in quello più figurato di un’estrema tensione verso il futuro. Così nella capitale del paese più esteso del mondo dove tutto ricorda i fasti del passato e il suo ruolo di centro di potere, le decine di gru e cartelli di lavori in corso che si stagliano sui palazzoni grigi in stile sovietico fanno presagire al turista la voglia di guardare oltre e scrollarsi di dosso le strutture crollate con la fine dell’Unione.

Non è un caso che proprio in questi giorni Mosca figuri al primo posto della classifica biennale stilata dalle Nazioni Unite per ‘e-governament services’ ovvero l’uso di internet da parte delle istituzioni per agevolare la comunicazione con i cittadini e semplificare la burocrazia e sia negli ultimi anni riconosciuta come una delle smart city più promettenti del mondo.

Scienza e tecnologia sono infatti gli strumenti usati dalla città per cambiare veste. Dopo il tour dei luoghi simbolo che certo non possono essere esclusi dall’itinerario turistico come ad esempio la suggestiva Piazza Rossa, basta dirigersi verso nord, nel quartiere Ostankinskij per avere un’idea di quanto si stia investendo per trasformare la megalapoli in una città del futuro. Qui infatti è possibile visitare l’‘Esposizione delle conquiste dell’economia nazionale’, una fiera permanente composta da 59 padiglioni dedicati ai vari settori tecnologici e scientifici.

Mosca di ieri e di domani all`Esposizione delle conquiste dell`economia nazionale Costruito nel 1939 per ospitare l’Esposizione agricola dell’Unione, il complesso ha mutato nome con il cambiare della storia del paese. Oggi il comune sta impiegando ingenti somme per ristrutturare e riportare all’antico splendore l’intera area. Nel 2016 il VDNH (questa la sigla russa)  si è arricchito di un nuovo padiglione costruito per iniziativa del comune di Mosca che ospita il Centre of Information Technologies – Smart City, uno spazio di 1600 metri quadri dove i visitatori possono osservare l'IT applicate alla cittadinanza.

Alcune idee, ad esempio quelle che vedono la tecnologia nella scuola e medicina sono davvero curiose, più inquietanti invece quelle dedicate alla sicurezza come il sistema di riconoscimento facciale e il piano di videosorveglianza comunale che con 145mila telecamere controllerà i luoghi pubblici 24 ore al giorno. Mosca tra passato e futuro: viaggio nella megalopoli che vuole diventare smart