TORINO - Trattative reali, suggestioni e fantamercato: Giuseppe Marotta mette

Marotta: "Perin e Darmian da Juventus". Ma il riscatto di Douglas Costa blocca i grandi colpi

TORINO - Trattative reali, suggestioni e fantamercato: Giuseppe Marotta mette ordine dopo il passaggio del tornado di voci, nato lunedì in occasione dell'incontro tra la dirigenza bianconera e Max Allegri e cresciuto di intensità e frequenza giorno dopo giorno, fino alle voci su Morata nate dall'incontro di ieri con Paratici. "Non voglio illudere nessuno, sono solo voci, abbiamo un attacco di caratura internazionale, ogni operazione pare utopistica" ha gelato i tifosi bianconeri il dg Marotta, intervenuto alla presentazione del libro "Juventus - Una storia scritta in panchina", opera nata dalla penna di Antonio Barillà: "Siamo nella fase più importante del mercato, ogni giorno abbinano alla Juventus tantissimi calciatori. Riguardo Morata, fa piacere che i giocatori più importanti di questo ciclo della gestione Agnelli hanno un grande ricordo della Juve e hanno il desiderio di assaporare nuovamente il clima juventino".

Servirebbe, insomma, una cessione eccellente, fondi freschi per alimentare il mercato, visto anche lo scontato rinnovo di Douglas Costa - "al momento è un giocatore del Bayern, lo riscatteremo sicuramente entro il 30 giugno" -, 40 milioni di euro che scivoleranno via dalle casse bianconere. Un bilancio e un'oculatezza sul mercato che rendono Milinkovic-Savic e Pogba "fantamercato", e che hanno portato il dirigente bianconero ad assicurarsi Emre Can con largo anticipo: "Credo che in 10 giorni si chiuderà la trattativa, in positivo o in negativo, ma sono ottimista". 

TUTTI INCEDIBILI - "Vale il principio di sempre, quando uno vuole andare via cerchiamo sempre di accontentarlo, specialmente se mancano stimoli. In questo momento non c'è nessuna presa di posizione di questa natura". Una dichiarazione che sa tanto di pre-tattica, ma che rivaluta la posizione di Alex Sandro - "sono in corso contatti con tutti i giocatori, con i procuratori di Alex Sandro ci vedremo la prossima settimana ed è auspicabile un prolungamento di contratto" - e che blinda Mandzukic - "sarà un giocatore della Juve anche l'anno prossimo" -, Dybala - "la sua posizione è definita, dal punto di vista contrattualistico è stato definito tutto con il precedente contratto" - e in parte Higuain: "Nessun giocatore è sul mercato se non chiedono di vivere esperienze alternative. Higuain è alla seconda stagione con noi, ha fatto molto bene, siamo molto contenti. Non ci sono in questo momento allarmismi di questa natura, e se dovessero arrivare richieste non le prenderemo in considerazione". Al momento. 

SOGNI IMPOSSIBILI - Il ritorno di Pogba, da sempre legato alla Juventus esattamente come Morata, l'arrivo di Milinkovic-Savic. La voglia di tecnica unita a fisicità e atletismo è tanta in bianconero, ma dovrà rimanere tale ancora a lungo. Milinkovic-Savic è "un grande talento, ma anche qua ci tengo a chiarire che considerati i valori di mercato non ci avventuriamo su questa pista", mentre Pogba "è fantamervato, ormai i valori di trasferimento e ingaggio sono distanti da quelli che sono i nostri parametri di buon senso". Tanto più che "la rosa è competitiva per quelli che sono i nostri traguardi e abbiamo in cantiere operazioni importanti". Non follie, insomma. 

DARMIAN E PERIN - Due nazionali, due rinforzi che farebbero al caso della Juventus: "L'erede naturale di Buffon è Szczesny, abbiamo fatto questa scelta e siamo contentissimi, ma per un grande club come la Juve servono due portieri all'altezza, cercheremo portiere di elevata caratura e Perin lo è". Ma da qui a dire che la trattativa è in fase di chiusura, ne passa, come confermato dallo stesso Marotta. Che ha confermato l'interesse per Darmian, che "può rientrare in quelle opportunità di profili a cui andiamo alla ricerca: lo zoccolo duro della Juve deve essere rappresentato da giocatori che indossano l'azzurro, gli italiani hanno più velocità e capacità di capire l'ambiente bianconero". Insomma, "Darmian ci interessa": e non solo lui.